• A A A
  • 80° Leggi razziali

    Sono passati ottant’anni da una delle pagine più buie della nostra storia: quella delle “leggi razziali”. Nell’allora Regno d’Italia, con l’emanazione dei “provvedimenti per la tutela della razza”, dal settembre 1938 il regime fascista scatenò una persecuzione giuridica nei confronti dei cittadini italiani considerati di razza ebraica.

    Il convegno “A ottant’anni dall’emanazione delle leggi razziali: istituzioni e società per una memoria attiva”, promosso dalla Prefettura di Milano, che si è tenuto li  giovedì 10 maggio alle 10.30 presso l’Aula Magna dell’Università Cattolica,intendevai proporre una riflessione e un’analisi storica su quanto accaduto ottant’anni fa.

    L’incontro,  introdotto e coordinato da Ferruccio de Bortoli, presidente della Fondazione Memoriale della Shoah di Milano, è stato  aperto dal Prefetto di Milano Luciana Lamorgese, cui sono seguiti i saluti dell’Arcivescovo di Milano monsignor Mario Delpini, del rettore dell’Università Cattolica Franco Anelli, del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, del sindaco di Milano Giuseppe Sala, del Consigliere del Csm Paola Balducci, del rabbino capo della Comunità Ebraica di Milano Alfonso Arbib, e del presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni.

    Successivamente sono intervenuti la senatrice a vita Liliana Segre, il primo presidente emerito della Corte di Cassazione Giovanni Canzio, il ricercatore della facoltà di Giurisprudenza dell’Università Cattolica Saverio Gentile e lo storico Michele Sarfatti.

    Hanno preso parte  all’evento gli studenti dell’Ateneo e gli studenti di alcune scuole superiori milanesi, fra cui una delegazione del nostro Liceo.

    Al link alcune foto dello studente Filippo Brambilla: foto

    Sito realizzato da Francesco Saragò su modello dalla comunità di pratica Porte aperte sul web.
    Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale di Creative Commons